Guardea Nuova - 2018/2024

 Ricostruzione dalle fondamenta di Architettura rurale conventuale

del secolo XII in IT-Guardea (Terni - Umbria)

in memoria di chi, anonimo e mal retribuito, l'aveva in passato realizzata.

*

Questo complesso edilizio è oggi di nuovo presente per l'impegno prevalente di quattro Autori:

l'Amministrazione comunale di Ubaldo Costa che con l'acquisto ha reso il luogo patrimonio comunale,

quella di Giampiero Lattanzi che ha poi reperito i finanziamenti necessari alla ricostruzione,

di Franco Della Rosa che ha progettato e diretto, gratuitamente, i lavori

e dei Muratori che coscienziosamente mi hanno ascoltato.

Franco Della Rosa

 

*

 

  

Circa 1910                                                                                                         Anni '30

  

Anni '50?

8 dicembre 2004

21 settembre 2018 - inizio del mio lavoro di ricostruzione

  

20 ottobre 2020                                                                                                  9 marzo2021

  

13 marzo 2021

  

19 marzo 2021                                                                                   2 aprile 2021

*

- Ciò che si vede oggi è nuovo per oltre il 75% -

 

  

 

  

 

  

 

6 immagini del 13 aprile 2024

 

  

 

        

                                                                                                                                                                                             FDR · CH

           

 

              

 

        

Le serrature antiche fornite dal restauratore Stefano Regis         -      I portoni d'ingresso del falegname Alessandro Gubbioni

              

 

           

 

 

La croce apposta (pagata dallo Scrivente, come altro), non prevista,

non è una croce ma l'emblema della Bandiera svizzera,

nelle proporzioni in uso nella Confederazione Helvetica,

con la lunghezza del braccio superiore di 1/6 alla sua larghezza,

così come per la bandiera della Croce Rossa, nata in Svizzera e,

per la prima bandiera con la croce svizzera piantata nel 1969 sulla Luna, anche essa, dagli astronauti.

 

          

IT-Guardea nel 1992. In rosso lo stipite sx dell’ingresso   -   Ex-novo dalle fondamenta, 2020-23. In rosso lo stipite sx  

*

Ex Convento rurale di Guardea durante il periodo di studio

  

 

       

 

       

 

   

Imposta dell'ingresso laterale rinvenuta da me il 15 aprile 1988,

rubata poco dopo in modo insensato, come soprammobile, per non farne niente.

Era la base fondamentale, in mancanza di altri indizi, per ricostruire correttamente.

 

   

 

       

 

Cronologia del lavoro dedicato all’Ex Convento rurale di Guardea:

- il primo intervento è riferito all’anno 1973 e riportato in Archeologia n. 0/1986;

- il secondo intervento è in Archeologia n. 1/1986;

- con Delibera n. 187/1988 mi viene conferito l’incarico per un progetto di fattibilità

per il recupero dell’immobile rurale guardeese;

- con Decreto M.BB.CC. del 26.11.1987, su documentazione predisposta dallo scrivente,

è dichiarato “di interesse particolarmente importante” il complesso rurale guardeese;

- nell’aprile 1988 è stato presentato il mio progetto per il restauro-ricostruzione

del complesso rurale guardeese approvato con Delibera n. 61/1988;

- il terzo intervento a stampa è in Archeologia n. 8/1989,

in occasione della presentazione alla Soprintendenza per i BB.AA. del progetto

per approvazione e richiesta diretta di finanziamento;

- a seguito di vari incontri congiunti avuti con la Soprintendenza per i BB.AA.

e la Soprintendenza Archeologica, che ha imposto una procedura propedeutica di

“scavo” per reperimento reperti di crollo, è stato redatto un secondo progetto

nel gennaio 1989 suddiviso in due stralci operativi;

- nel 1994 sono state effettuate delle ricognizioni sul perimetro degli immobili ed stata

rilevata la soglia e gli stipiti dell’ingresso laterale destro della Chiesa,

reperti successivamente rubati di cui restano le foto dello scrivente;

- in occasione del Giubileo del 2000, ottobre 1997, è stata redatta dallo scrivente

una nuova previsione progettuale con destinazione “Centro di ospitalità a basso costo”;

- nel 2018 lo scrivente è stato reincaricato ed ha rielaborato il progetto di ricostruzione

attuato poi tra il 2020 e il 2023

 

IL TECNICO

Franco Della Rosa

 

*

Signor Della Rosa ho scoperto questo splendido sito per caso.

Lo trovo immensamente grande.

Grandissima passione e notevolissima conoscenza.

L'ho scoperto perché cercavo informazioni sull'eremo di Santa Illuminata.

Noi siamo stati l'ultima famiglia che ha abitato nella casa di Santa Illuminata.

Conosco tutti i particolare di quel luogo, anche cose che nessuno sa.

Ho vissuto sino all'età di 9 anni ma i miei ricordi sono nitidissimi.
Mi sento di dover ringraziare tutti per il lavoro che avete fatto.

Ora continuerò ad esplorare questo splendido sito che mi riporta indietro nei ricordi.

Vorrei un giorno incontrarLa.
Saluti vivissimi

Venegono Inferiore (Va), 22 ottobre 2014, Sandro Magnasciutto (Ώ).

 

*

Buona sera Sandra,

invio una foto dei lavori in corso per i quali si sta cercando ora anche un finanziamento per la parte abitativa.

Cordialmente, Franco Della Rosa

18 novembre 2022

 

*

Grazie!!!!!!! In modo particolare dalla mia mamma!!

Sandra Magnasciutto

20 novembre 2022

 

*

Gentilissimo Franco, la ringrazio e colgo l'occasione per farle tanti auguri di buone feste e di un sereno anno nuovo .

Anche da parte di mamma e i miei ragazzi!!!!

Sandra Magnasciutto

23 dicembre 2022

 

*

Buon dì Sandra e Mamma,
un aggiornamento.
Stanno avanzando i lavori per il recupero della casa, seppure limitata ad un solo piano come era in antico.

Saluti, Franco

25 febbraio 2023

 

     

 

21 febbraio 2023                                                                                             22 marzo 2023

 

Franco, grazie!!! Chissà se riuscirò a vederla di persona!!

Un caro saluto da noi tutti e grazie x  la gentilezza!

27 febbraio 2023

 

 

29 marzo 2023

 

22 aprile 2023

     

 

                                     1° maggio 2023 - Paolo                                                              22 aprile 2023

 

Non mi aspettavo che un guardeese, Domenico Belli (figlio dell'amico Aroldo, brava persona e bravo fabbro),

si commovesse di fronte a questo mio lavoro sino alle lacrime (riferito da Paolo Boccalini) .

Guardea, 9 aprile 2023

 

Aroldo Belli in Piazza Pietro Panfili: http://www.grupporicercafotografica.it/panfili.htm

 

*

 

 

 

    

 

       

Le porte e le finestre della Chiesa sono del falegname Alessandro Gubbioni di Avigliano Umbro

quelle dell'edificio Servizi di Flavio Tassini di Guardea

       

Leone, il mio assistente, all'inizio dei lavori ...   Incontro serale del 16 giugno 2023 (foto di  Marco Ludovisi)             ... e il 13 febbraio 2024

 

 

15 giugno 2023

* 

Ma bellissima! Bravo bravo bravo!

Non conosco il luogo. Un giorno mi piacerebbe molto andare a vedere.

Saluti da Londra.

Dominic (Minghella - Island Pictures LLP)

13 aprile 2023

 * 

Buongiorno Franco,

direi che il servizio su s. Illuminata è sempre più congruo ed “edificante”:

da un rudere destinato ad una totale prossima sparizione è stato rigenerato un complesso

di eccezionale ed emozionante fattura grazie ad un TECNICO di elevata competenza

quale è Franco Della Rosa, a cui vanno sentiti ringraziamenti sia da parte dei fedeli che degli agnostici.

L’atmosfera che si è ricreata su questo sito va al di sopra di qualsiasi corrente interpretativa e confessionale:

Franco è riuscito, con la sua maestria, a dare seguito ad un mio articolo degli anni ‘80,

in cui mi preoccupavo della completa fine di unimportante testimonianza architettonica, storica e religiosa,

anche se ridotta a brandelli, il titolo che gli avevo affibbiato era “Requiem per s. Illuminata”,

ora il concetto di “requiem” è stato superato con “resurrectio”. 

Superando ogni aspettativa e speranza al riguardo,

Franco è riuscito non soltanto a salvare i ruderi superstiti ma, addirittura,

a ricostruire per intero i contenuti dell’unica foto esistente del complesso degli inizi del ‘900,

il che suona quasi come un autentico miracolo. Simpaticissima la foto di Leone all’inizio dei lavori:

ha portato fortuna! Dal campanile a vela, anch’esso fedelmente ricostruito,

riusciremo a sentire lo squillo delle campane nella sottostante vallata!

Un saluto a tutti.

Paolo (Boccalini)

5 agosto 2023

 

Paolo, per l’ultimo lavoro fatto, pensando a Leone che è fantastico,

sto maturando un po’ di soddisfazione. ...

Franco

6 agosto 2023

 

* 

Franco, per santa Illuminata ... con spensieratezza e con sicurezza ... sono rimasto allibito

dal tuo lavoro ... da come è stata riproposta tutta la zona, ...

ho anche parlato con il sacerdote affinché possa incitare la gente ad andare

a santa Illuminata ... mi ha risposto: farò del tutto.

Io lo faccio disinteressatamente e con molto, molto rispetto nei tuoi confronti

perché è cosi bello tutto riportato alla sua origine che mi fa veramente commuovere.

Preferisco lasciare questo argomento perché mi potrebbe anche far piangere. ...

Ubaldo Costa

17 agosto 2023

 

* 

Ciao Franco,

che splendido lavoro!! ........... sei sempre stato il migliore,

hai ridato vita ad un complesso così importante di Guardea recuperandolo pietra su pietra.

Con la tua maestria hai saputo progettare e dirigere un cantiere

nel rispetto assoluto delle forme e dimensioni armoniche.

Si può rimanere solo incantati di fronte a tali lavori e dovizia di particolari.

Certo un po' di merito va anche al tuo Assistente Leone

che sono sicuro seguirà gli insegnamenti del nonno. 

Renzo Varazzi

19 agosto 2023

 

* 

... A Guardea ho potuto constatare con piacere l'ammirazione che molte persone

rivolgono al tuo eccezionale lavoro in s. Illuminata.

Oltre ad una ricostruzione fedele, nonostante le condizioni disastrose del sito

e le palesi difficoltà operative, sei riuscito a smuovere sensazioni empatiche

nei confronti dei visitatori, che attribuiscono un valore miracolistico ai risultati raggiunti,

risvegliando in loro una devozione sia religiosa che laica nei confronti di un costrutto

in grado di riunire valori artistici, ambientali e meditativi.

Secondo me questo impianto riuscirà a diventare un polo turistico e confessionale

molto importante per Guardea, dovremo,ora, lavorare tutti senza fazioni

od inutili e coglionesche controversie per sviluppare ed ottimizzare,

a livello olistico, questo capolavoro che tu sapientemente hai rigenerato

colpendo e meravigliando le menti ed i cuori di tante persone. 

Paolo Boccalini

21 agosto 2023

 

 

Grazie per le impressioni che provengono dalla popolazione di Guardea,

purtroppo come ben sai, a causa della mia ex-famiglia e i problemi di salute,

ho difficoltà a ricavarne piacere.
Ciao, Franco.

 

* 

Caro Franco,

 

dopo vari decenni di amarezza nel constatare il graduale ma ineluttabile disfacimento,

ad opera dell’incuria e dei predoni, del complesso conventuale di S. Illuminata ho visto risorgere,

anzi il verificarsi di un autentico “miracolo” di una ricostruzione in anastilosi

con quanto rimasto nel nostro immaginario collegato ad un’unica foto superstite risalente ai primi anni del ‘900.

La questione degna di nota è che questa volta, con valori consuetudinari contrapposti,

il miracolo è stato fatto da un Architetto ed un Sindaco nei confronti di una Santa

(di solito sono i santi a compiere miracoli).

É stato ricostruito tutto con mentalità certosina anche nei minimi particolari: dalla calce alle pietre antiche reperite,

riutilizzando, ove possibile, le ormai ridottissime preesistenze, inglobandovi reperti archeologici riscoperti in varie aree,

così da valorizzare con un assetto omogeneo elementi che, sparsi ed inutilizzabili come erano,

non potevano creare un positivo e godibile substrato culturale, come, in effetti, ora è accaduto.

Da evidenziare, a mio parere, la salvezza dell’unico ambiente rimasto in piedi e snobbato da sempre

dell’antico convento quattrocentesco, la cui copertura a volta stava inesorabilmente crollando tanto che,

ogni qualvolta  andavo a visitare il sito, queste condizioni mi provocavano francamente un grosso rammarico:

ora è ridiventata una splendida abside coronata da originario arco trionfale costituito da conci di travertino locale

finemente lavorati entro cui sono tornate a rifulgere candele che con il loro profumo e la loro ieratica luminescenza

possono essere considerate alla stregua di una salmodia e ricreare un’atmosfera del tutto coerente con il resto della chiesa.

Il giorno tredici ultimo scorso è avvenuta l’inaugurazione del ricostruito complesso, ebbene, oltre alle diverse autorità

e rappresentanti del clero ho potuto rilevare un’affluenza di popolo guardeese ed alvianese a dir poco incredibile.

Notevole è stato l’impatto emotivo con questa rinnovata ed inaspettata realtà (tutto ciò sembra quasi impossibile),

manifestata palesemente dagli astanti, ma soprattutto da rimarcare è la commozione verso questo evento dimostrata

da persone anziane che hanno visto rifiorire il convento della loro infanzia, alcuni più anziani avevano addirittura

assistito alle ultime funzioni celebrate in loco prima dell’abbandono e rovina definitiva.

Mi sento in dovere e piacere di esprimere un grosso ringraziamento a Franco Della Rosa

per aver ricostruito un sito del genere con notevole e filologica competenza, ma soprattutto per aver permesso

di riassaporare certe emozioni che hanno pervaso le corde più sensibili di tante persone, anziane e non.

Non è stato soltanto un lavoro ineccepibile dal punto di vista tecnico/architettonico, ma ha rappresentato

un coacervo di peculiarità che possono coinvolgere sicuramente la religione, misticismo anche laico

e diversi altri valori sia contemplativi che concreti, quali la tradizione unita alle più svariate storie a cui Guardea,

rimane molto affezionata e devota. Per chiudere il discorso posso, a mio avviso, tranquillamente ribadire

che questa inaugurazione ha rappresentato un’autentica apoteosi rivolta al lavoro di Franco

che è riuscito a convogliare ed operare una sorta di sintesi nei confronti di interessi di natura prettamente culturale

e risvegliare una sorta di pathos dai notevoli risvolti introspettivi, umani e, per chi ci crede, anche religiosi.              

Paolo Boccalini

19 aprile 2024

 

*

 

 

 

Il cavaliere (o veletta o cornàcchia o campanile a ventola) a due fornici,

per la campana mezzana, luce cm. 47 e quella dei rinterzi, luce cm. 40,

si veda in: http://www.grupporicercafotografica.it/Storia.htm a p. 96 e 97,

è stato costruito da Tiziano Anselmi, Giuliano Lagrimini, Enrico Innocenzi e Sergio Muzi.

Completato alla base interna, nella navata, con l'uscita dei canali in legno per le corde.

 

*

     

29 giugno 1977                                                        7 agosto 2013                                                    8 luglio 2015

 

     

24 giugno 2017                                                    25 aprile 2018                                                    10 agosto 2019

 

          

       4 agosto 2021                                                    29 maggio 2023

 

*

IN www.grupporicercafotografica.it/GRF2014.pdf A PAG. 13,

LA BAITA/BAR DA €. 99.950,00 É IL DANNO CHE É RIUSCITO A PRODURRE

L'AMMINISTRAZIONE GUIDATA DAL SINDACO PRO-TEMPORE

COSTA GIANFRANCO - 2009 - 2014 !!!

ORA DA ME DEMOLITO E MOTIVO DI ACCETTAZIONE DEL MIO INCARICO

RIENTRANDO DAL SETTENNALE STATUS DI PENSIONATO !!!

        

*

ALCUNI DOCUMENTI DI LAVORO

Le foto base del  6 aprile 1988, riprese dallo scrivente, utilizzate per le numerose pratiche,

dalla dichiarazione di Vincolo Monumentale ai Progetti e alla ricerca dei finanziamenti

 

*

 

  

 

  

 

  

 

  

 

Le foto del 1974

 

*

Dal Periodico Archeologia del Gruppo Archeologico Amerino

Fondato e curato da Franco Della Rosa

 

 

n° 1 - ottobre 1986

n° 8 - gennaio 1989

n° 22 - II sem 1994

 

*

I PRIMI CONSUNTIVI

 

Dal Notiziario del Gruppo Ricerca Fotografica

Fondato e curato da Franco Della Rosa

 

 

 

 

ANNO XI - N° 21 - Gruppo  Ricerca  Fotografica  -  Notiziario  -  CH-Cumün da Val Müstair - Grischun  - II SEM. 2024

 

 

 

ANNO XI - N° 20 - Gruppo  Ricerca  Fotografica  -  Notiziario  -  CH-Cumün da Val Müstair - Grischun  - I SEM. 2024

 

 

 

 

ANNO X - N° 19 - Gruppo  Ricerca  Fotografica  -  Notiziario  -  CH-Cumün da Val Müstair - Grischun  - II SEM. 2023

 

 

 

 

ANNO X - N° 18 - Gruppo  Ricerca  Fotografica  -  Notiziario  -  CH-Cumün da Val Müstair - Grischun  - I SEM. 2023

 

 

 

 

ANNO VIII - N° 15 - Gruppo  Ricerca  Fotografica - Notiziario - CH-Cumün da Val Müstair - Grischun -II SEM. 2021

 

*

 

I precedenti "Atti formali", curati da Franco Della Rosa,

durante i cinquant'anni di crolli,

per giungere pian piano sino alla ricostruzione odierna

    

    

    

    

    

    

    

http://www.grupporicercafotografica.it/archeo.htm

 

*

dellarosa.f@gmail.com

www.grupporicercafotografica.it